imagealt

A.I.C.C.

LINK MEET DI NON POSSIAMO NON DIRCI... FIGLI DI VIRGILIO

Storia dell’Associazione 

L’Associazione Italiana Cultura Classica nasce a Firenze nel 1897 per volontà del filologo e papirologo Girolamo Vitelli e del suo maestro Domenico Comparetti, coadiuvati da un gruppo di filologi fiorentini. Si chiamava “Società italiana per la diffusione e l’incremento degli studi classici”. L’anno dopo fu creato il suo organo d’informazione, cioè il “Bullettino” che, solo nel 1936, divenne l’attuale rivista dell’Associazione “Atene e Roma”, uno dei più prestigiosi periodici di filologia classica.

Il periodo fascista investì anche la Società e la sua rivista, la cui attività fu troncata dai tragici eventi del 1943. Soltanto nel 1950, ad opera di una nuova generazione di studiosi, tra i quali Giacomo Devoto, Giovanni Pugliese Carratelli, Mario Attilio Levi, Concetto Marchesi, il grande archeologo Amedeo Maiuri ed altri, l’Associazione rinacque a Napoli con la denominazione attuale. Conta attualmente circa 2500 soci, tra docenti, studenti, uomini di cultura.

 Finalità dell’Associazione 

Gli obiettivi sono, come recita lo Statuto dell’AICC consultabile sul sito nazionale www.aicc-nazionale.com:   “…raccogliere in sodalizio tutti gli Italiani che sentono l’esigenza attuale di coltivare le discipline umanistiche per una comune opera di cultura e suscitare ed estendere l’interesse per una più diretta conoscenza dell’antica civiltà”.

Le varie attività saranno dunque volte alla tutela e diffusione delle nostre tradizioni classiche nella società moderna; alla promozione della ricerca sul mondo classico; all’attenzione per le problematiche connesse con l’insegnamento delle discipline classiche nelle scuole secondarie e superiori.

Tali scopi vengono perseguiti attraverso conferenze, corsi, convegni, viaggi, pubblicazione di testi, ecc.

Delegazione di Como 

E’ stata fondata il 20 settembre 1990 ad opera dell’allora Preside del Liceo Classico "Volta", Mariano Baldassarri, che ne è stato Presidente fino al 2 dicembre del 1999. Il 22 febbraio 1991 si è celebrata una solenne inaugurazione alla presenza del Presidente nazionale, il compianto Prof. Marcello Gigante.

L’incarico di Presidente è stato poi ricoperto dal Prof. Bruno Saladino, già Dirigente del medesimo Istituto dal 1996 al 2010, a decorrere dal 3 dicembre 1999 fino al 25 marzo 2022.

Il 25 marzo 2022 il nuovo Direttivo ha votato all’unanimità il conferimento della carica di Presidente onorario al Prof. Bruno Saladino, di Presidente alla Prof. Raffaella Di Paola (già Vice Presidente da parecchi anni), di Vice Presidente alla Prof. Claudia Gandini, di Segretario ad Andrea Pizzotti e di Tesoriera alla Prof. Mariellina Confalonieri. Gli altri membri del Direttivo attuale sono le Proff. Carmen Arcidiaco, Ornella Marelli e Giulia Vercellini.

La Delegazione comasca, che ha la sua sede presso il Liceo Volta, conta al momento oltre un centinaio di soci.

L’attività della Delegazione è consistita principalmente nella organizzazione di conferenze su tematiche varie, inerenti al mondo classico.

Tra gli impegni più rilevanti si annovera la giornata di studio “Monumentum aere perennius”, tenutasi il 17 ottobre 2002 a Villa Gallia e conclusasi con una lezione spettacolo su “Le Troiane” di Euripide a Villa Olmo, nonché con la pubblicazione degli Atti.

Successivamente ha riscosso significativo consenso la rilettura dell’Iliade di Omero, canto per canto, dal titolo “Non possiamo non dirci figli di Omero” e tenutasi nel corso del 2013. E’ seguita una rilettura dell’Odissea, a partire dall’autunno 2014 e proseguita nel 2015.

Notevole successo e afflusso di pubblico ha registrato il Convegno “La cultura classica nell’era digitale”, svoltosi il 29 novembre 2013 presso il Liceo Volta e che ha visto la partecipazione, in qualità di relatore, del Presidente Nazionale Prof. Mario Capasso, oltre che del Presidente della Delegazione di Como, Prof. Bruno Saladino e del Prof. Giovanni Benedetto. Di tale Convegno sono stati pubblicati gli Atti nel Quaderno di “Atene e Roma” n. 5 (pagg. 171-228).

Altro evento di rilevanza nazionale è stata l’organizzazione della IV Giornata Nazionale della Cultura Classica, tenutasi a Como il 22 maggio 2015, di cui sono stati pubblicati i principali contributi nel Quaderno di “Atene e Roma” n. 6 (pagg. 151-315).

Negli anni 2018-19 si è proseguito l’impegno delle riletture dei classici con “Il canto dei Greci”, esempi di alcuni tra i più significativi lirici greci.

A partire dall’edizione del 2016 la Delegazione di Como ha offerto al Liceo Volta il suo decisivo contributo nella realizzazione della manifestazione “La Notte Nazionale del Liceo Classico”, che ha visto un successo crescente di pubblico fino alla edizione del 2021, che ha goduto del Patrocinio del Comune di Como e della Provincia di Como (in preparazione è l’VIII Edizione del 2022, in programma il 6 maggio p.v.).

A partire dal 2020, a motivo della pandemia da Covid 19, la Delegazione si è attivata per l’organizzazione di conferenze online, che stanno proseguendo tuttora, talora in forma mista.

Alcuni tra i più significativi e frequentati appuntamenti sono stati la presentazione di un volume del Prof. Giuseppe Zanetto il 20 novembre del 2020, l’incontro di commemorazione del Prof. Federico Roncoroni il 23 aprile 2021, il Convegno sulle monete d’oro di Via Diaz il 7 maggio 2021 (momento comasco nell’ambito del I Festival della cultura classica, che vedeva coinvolte più Delegazioni italiane), l’evento dedicato a Plinio il Vecchio il 24 ottobre 2021, con l’abbinamento di una visita guidata alla Villa Pliniana e di una conferenza tenuta dal Prof. Alberto Canobbio sia in presenza, sia online.

Pubblicata il 28-01-2019